Home » – Attività sul territorio

– Attività sul territorio

PROMUOVE E SUPPORTA in collaborazione con la Polisportiva San Precario l’ASD Polisportiva Pallalpiede 

L’ASD Polisportiva Pallalpiede nasce con l’intento di promuovere lo sport come strumento rieducativo e di aggregazione sociale, tramite l’utilizzo del linguaggio internazionale e condiviso del calcio. L’idea di questo progetto nasce dalla volontà di creare un percorso di formazione all’interno del contesto carcerario per veicolare la promozione di stili di vita e di buone pratiche attraverso lo sport e l’attività motoria. La pratica sportiva diventa così la base di un processo rieducativo volto a trasmettere ai detenuti i valori della solidarietà, della lealtà e del rispetto dell’altro. Con questo progetto si cercherà di aprire, tramite un percorso formativo ed educativo all’interno del contesto carcerario, una finestra di dialogo con la società nella quale torneranno le persone detenute.

CICLO D’INCONTRI

  •  “Q.B., quanto basta per …”, corso di cucina multietnico e culturale. Un ciclo d’incontri per conoscere le tradizioni di altri paesi attraverso il cibo..un viaggio nella cultura culinaria di diversi popoli.
  • “Quanto Basta per…cucinare con gli avanzi”, corso di cucina ad impazzo zero. Un ciclo d’incontri per imparare a riutilizzare gli avanzi in cucina … tanti piccoli utili consigli per riusare il cibo anziché buttarlo via dal nostro frigo e dalle nostre dispense.
  •   “LA SIGNORA DI EFESO. La maternità tra migrazione e tradizione”. Un ciclo d’incontri  sulla maternità multiculturale su come la gravidanza, il parto e il puerperio vengono vissute nelle diverse culture dalle donne e dalle loro famiglie.

READING MUSICALE

KALELOV (CAMMINANDO) 

di e con

Antonia Arslan – voce narrante

Massimo Carlotto – voce narrante

Maurizio Camardi – sassofoni, duduk, flauti

Mauro Palmas – liuto cantabile

Maurizio Redegoso Kharitian – viola

Alessandro Foresti – organo portativo

Testo spettacolo di Antonia Arslan e Massimo Carlotto

Musiche tradizionali armene e composizioni originali di Maurizio Camardi e Mauro Palmas

Una co-produzione GERSHWIN SPETTACOLI e NAIRI ONLUS

Un viaggio tra parole e musica da Marsiglia alle coste della Sardegna, da Venezia ai paesaggi dell’Armenia anatolica, lungo le rotte del Mediterraneo e oltre. Un viaggio nel tempo tra passato, presente e futuro che ci racconta storie di donne, uomini, luoghi reali ed immaginari. In scena due scrittori e quattro musicisti con in comune la passione del racconto e l’amore per la cultura della propria terra. Ognuno di loro infatti ha segnato il proprio percorso artistico e la personale ricerca espressiva cercando tra le pieghe della propria appartenenza. Se da un lato i racconti di Antonia Arslan hanno contribuito in maniera determinante in questi anni a farci conoscere la cultura armena e la poesia del suo popolo, dall’altro lato Carlotto ci ha incantato e a volte indignato con le sue storie noir ambientate tra Marsiglia, il Veneto e la Sardegna. E poi ancora suoni, sapori e colori del Mediterraneo, sapientemente orchestrati per i sassofoni e il duduk di Maurizio Camardi e il liuto cantabile di Mauro Palmas sono stati la “colonna sonora” di tante storie di palcoscenico. E non da ultimo l’attenzione alla musica sacra di Maurizio Redegoso Kharitian e Alessandro Foresti costruiscono rotte sonore di rara spiritualità. Kalelov (camminando), declinato nelle lingue dei luoghi che sono protagonisti di questa inedita produzione italo-armena, narra due storie che si intrecciano, con gli scrittori in scena e le musiche a fare a volte da collante alle parole, altre a raccontare a loro volta. Camminando proprio perchè non c’è nessun luogo dove arrivare, l’importante è appunto… camminare.

PROMUOVE

LOSS OF RELEVANCE di Norayr Kasper, artista visuale canadese di origine armena.